Diritto di contatto e visite

Chi ha diritto al contatto con i vostri figli? Esistono linee guida legali in merito e cosa succede in caso di problemi?

Questa pagina è stata tradotta automaticamente. La Città di Innsbruck non si assume alcuna responsabilità per l'accuratezza della traduzione.

Scoprite qui chi ha il diritto di visita, quali sono le disposizioni per il diritto di visita, come viene regolato il contatto con i bambini e quali opzioni avete se ci sono problemi con le modalità di contatto.

Chi ha diritto ai contatti per le visite?

  • il genitore che non vive con il bambino nello stesso nucleo familiare
  • i nonni
  • una persona con la quale il bambino ha un rapporto emotivo così profondo e che lo ha costruito che i contatti sono utili per il suo benessere

La determinazione dell'affidamento e l'obbligo di versare gli alimenti per i figli sono indipendenti da questo.

Sono previste disposizioni per il diritto di visita?

Non esistono requisiti legali per l'estensione del diritto di contatto. Si valuta caso per caso. iSi tiene conto del rapporto di parentela del bambino con il rispettivo genitore, dell'età del bambino e della distanza spaziale delle abitazioni di entrambi i genitori.

Ogni bambino ha il diritto di avere contatti con il genitore che non vive nella famiglia comune.

La base giuridica del diritto di contatto austriaco è costituita dai §§ 186-188 dell'ABGB.

Come viene regolato il contatto?

Il diritto di contatto deve essere regolato dai genitori insieme e di comune accordo. Se i genitori non sono d'accordo, il tribunale decide su richiesta di un genitore o del bambino. Prima del compimento del 14° anno di età, la richiesta di regolamentazione dei contatti da parte di un genitore per il bambino deve essere presentata al tribunale dei tutori o al tribunale distrettuale competente. Dopo il compimento del 14° anno di età, l'adolescente, in quanto maggiorenne, può presentare personalmente una richiesta di accordi di contatto in tribunale.

Il diritto di contatto può essere disposto e applicato dal tribunale competente anche contro la volontà del genitore che non vive nella stessa famiglia del bambino. Inoltre, i contatti personali possono essere limitati e vietati se non sono nell'interesse del bambino.

Cosa si può fare se ci sono problemi con la disposizione dei contatti?

Prima di tutto, dovreste cercare di trovare un accordo di contatto amichevole o di eliminare i problemi durante le visite. Se non riuscite a trovare una soluzione e un accordo concordato, potete chiedere aiuto ai servizi di assistenza all'infanzia e ai giovani. In un colloquio unico e congiunto con entrambi i genitori, gli assistenti sociali del Servizio di assistenza ai minori e ai giovani cercano di trovare una soluzione amichevole. Il bambino non è presente a questo incontro. Se il bambino è abbastanza grande, gli assistenti sociali tengono un colloquio separato con il bambino.

Se i genitori non sono in grado di trovare una soluzione insieme ai servizi di assistenza all'infanzia e ai giovani, vengono deferiti al tribunale dei tutori o al tribunale distrettuale.

Tutti i servizi di assistenza all'infanzia e ai giovani si concentrano sul bambino. Non il desiderio di uno o di entrambi i genitori.

Esiste un collegamento tra il diritto di contatto e l'obbligo di versare gli alimenti?

No. Il diritto di contatto e l'obbligo di mantenimento del genitore che non vive nella stessa famiglia del figlio sono indipendenti l'uno dall'altro. Se il diritto di contatto non funziona per qualsiasi motivo, gli assegni alimentari non possono essere interrotti (per questo motivo).

Contatta

Orari di apertura

Da lunedì a giovedì:
8.00-12.00 e 14.00-17.00

Venerdì:
8.00-12.00

Ultimo aggiornamento 06.12.2022