Archivio progetti stadt_potenziale

Nell'archivio dei progetti troverete i progetti finanziati degli ultimi cinque anni.

Questa pagina è stata tradotta automaticamente. La Città di Innsbruck non si assume alcuna responsabilità per l'accuratezza della traduzione.

Cosa è stato finanziato da stadt_potenziale?

Dalla prima edizione di stadt_potenziale nel 2008, ogni anno sono stati finanziati tra i sei e i 15 progetti e sono stati assegnati tra i 60.000 e i 100.000 euro. Gli importi dei finanziamenti per i singoli progetti variano da 1.700 a 21.000 euro, con l'accento sulla possibilità di finanziare completamente i progetti.

Gran parte dei progetti sono interdisciplinari o interdisciplinari . Molti sono discorsivi e si occupano di mediazione culturale, vecchi e nuovi media. Alcuni continuano a esistere o almeno sono durati per diversi anni, altri sono stati presenti solo per poche ore o giorni.

Cosa è emerso: Dischi, festival, film, una rivista, una guida della città, siti web, programmi radiofonici, sculture, immagini, composizioni, spazi di lavoro temporanei, ecc.

In quali settori stadt_potenziale ha finanziato progetti?

I progetti finanziati nell'ambito di stadt_potenziale si sono svolti nei seguenti settori :

  1. Stampa
  2. Fotografia
  3. La storia
  4. Arte nello spazio pubblico
  5. Letteratura
  6. Musica
  7. Prestazioni
  8. Danza
  9. Teatro
  10. ecc. ..

Chi faceva parte della giuria?

2021

Martin Fritz, scrittore, Innsbruck,
Hannah Crepaz, organizzatrice culturale, Hall
Petra Unger, mediatrice culturale, Vienna

2020

Paul Klumper, coordinatore del distretto ITS Reichenau, Innsbruck
Carmen Brucic, artista, Innsbruck
Elke Rauth, redattrice, Associazione per la ricerca urbana, Vienna

2019

Lisa Mazza, cuatrice e produttrice culturale freelance, Bolzano
Esther Strauß, artista della performance e del linguaggio, Vienna, Londra, Kolkata, Innsbruck
Theresa Schütz, architetto, Vienna

2018

Petja Dimitrova, artista visiva, Vienna
Michaela Senn, attrice, regista, Innsbruck
Stefan Bidner, curatore, musicista, Vienna

2017

Birgit Brauner, architetto, Innsbruck
Ivana Marjanovic, storica dell'arte, autrice, Vienna
Martin Fritz, studioso di letteratura, autore, Innsbruck

Panoramica dei progetti vincitori

città_potenziali 2021

contro:WART (Collettivo Culturale Contrapunkt)

Un progetto di Kulturkollektiv Contrapunkt

Importo del finanziamento: 21.000 euro
Realizzazione: 2021/2022

Di cosa si tratta?

La pandemia di Covid 19 ha reso visibili le linee di conflitto sociale e ha attraversato la vita sociale come un tornado. La pandemia ha quindi reso visibili alcuni conflitti sociali e . Il collettivo culturale ContrApunkt vuole affrontare queste linee di frattura sociali aperte e solleverà domande sotto forma del Diskurs(iv) Festival gegen.WART - il vostro festival del discorso(iv) per posizioni eterogenee. Da un lato, l'attenzione sarà rivolta alla negoziazione di posizioni eterogenee; dall'altro, siamo anche interessati a rendere le visioni e le utopie oggetto di discussione. Come tema centrale del festival, vogliamo esplorare la questione del tipo di società in cui vogliamo vivere. Per il festival stiamo definendo sei diversi ambiti tematici ai quali invitiamo teorici, attivisti e professionisti, cioè persone che vedono la società come qualcosa di fatto e modificabile.

ORIZZONTE per favore

Un progetto di Nicole Weniger

Importo del finanziamento: 15.675 euro
Attuazione: 2021/2022

Descrizione del progetto

Con l'azione HORIZONT bitte, l'artista Nicole Weniger vuole indicare la frase dell'allargamento degli orizzonti in senso spirituale e intellettuale e collocare questo desiderio di apertura al nuovo e all'ignoto nello spazio pubblico. HORIZONT please può essere inteso come una richiesta, un suggerimento e un desiderio. Un invito a mantenere flessibili i confini del proprio pensiero, a sottolineare che si tratta di un processo attivo che va consapevolmente incoraggiato, e un desiderio di consentire l'allargamento degli orizzonti anche all'interno della vita culturale di Innsbruck da parte della città.

La scritta HORIZONT per favore segna le rive del fiume Inn come nuovo punto di riferimento per la città di Innsbruck e funge anche da punto di approdo per diversi spettacoli. Oltre all'installazione della scritta HORIZONT bitte, gli artisti invitati potranno presentare la loro interpretazione del tema dell'orizzonte. HORIZONT bitte vi invita a sognare, lascia che i vostri pensieri volino liberi e permette altre prospettive. Per un breve periodo, le rive dell'Inn si trasformano in un'eterotopia della lungimiranza.

Poesia del quartiere del mercato

Un progetto del Literaturverein Cognac & Biskotten

Importo del finanziamento: 7.000 euro
Realizzazione: 2021/2022

Descrizione del progetto

Il club letterario urbano di Innsbruck Cognac & Biskotten, che da 24 anni realizza instancabilmente progetti culturali innovativi e gioca culturalmente con i quartieri della città, dedica il suo ultimo esperimento a "Marktviertel Poesie", riconoscibile solo a un secondo sguardo.

15 artisti di Innsbruck esplorano creativamente una parte della loro città, in particolare con testi, musica e immagini. L'obiettivo è trovare autori e musicisti urbani che vogliano trattare il Marktviertel e la città come tema generale nelle loro opere o che lo abbiano già trattato. L'opera sarà completata da grandi formati fotografici e pittorici di un artista di Innsbruck.

Dopo una fase di produzione di sei mesi, i programmi risultanti saranno presentati al pubblico in spettacoli dal vivo in 7 diverse località del Marktviertel. Per 7 giorni alla settimana, una coppia di artisti diversi eseguirà le proprie opere letterarie e musicali in un luogo per circa mezz'ora al giorno.

Le domande sono: come una città dà forma ai suoi artisti, come la città fluisce in poesie, storie, musica e immagini? La "street art" nel vero senso della parola e la "densificazione domestica" urbana devono avere un palcoscenico.

Un viaggio alla scoperta dell'apparentemente insignificante, fuori dalle rotte turistiche e dai mondi patinati. Un esame dei "non luoghi" che rivelano la loro fragile poesia a un'analisi più attenta.

Lettera alla nostra città futura

Un progetto di Verein Freifall

Importo del finanziamento: 9.800 euro
Attuazione: 2021/2022

Descrizione del progetto

Il progetto Lettera alla (nostra) città futura - Workshop I Installazione I Performance - mira a trovare il modo di passare da una città "chiusa" a una città "aperta". Il progetto sarà testato attraverso un workshop in collaborazione con varie istituzioni di Innsbruck e una successiva installazione nello spazio pubblico (piazza del mercato di Innsbruck) o una performance basata su di esso. Durante il workshop, i partecipanti scriveranno due lettere alla loro città futura. La prima lettera riguarda l'utopia personale di questa città futura, mentre la seconda lettera "aperta" riguarda le utopie degli altri partecipanti ed è indirizzata a un indirizzo specifico di Innsbruck.

Insieme potremmo trovare il modo di passare da una città chiusa, fatta di ordine, sorveglianza ed emarginazione, a una città aperta, fatta di vivace disordine, di coesistenza e giustapposizione responsabile - dalla rigidità e dall'inadempienza all'apertura e all'appropriazione. Vogliamo una città in cui persone di tutte le lingue, colori della pelle, età, arti, attività, assetti cromosomici e orientamenti sessuali, ma anche animali e piante, possano dispiegarsi, incontrarsi, disturbarsi e calmarsi. Le lettere saranno poi presentate al pubblico in un'installazione sulla piazza del mercato di Innsbruck e costituiranno la base e il contenuto di una performance transdisciplinare che avrà luogo lì: Una lista di desideri per la città di Innsbruck!

#wegonnabreath

Un progetto della Comunità Nera di Innsbruck

Importo del finanziamento: 10.000 euro
Attuazione: 2021/2022

Descrizione del progetto

"Se non mi definissi per me stesso, verrei schiacciato nelle fantasie degli altri per me e mangiato vivo"

(Audre Lorde)

Chi siamo

La Comunità Nera IBK è nata durante le proteste contro l'omicidio di George Floyd, in risposta alla necessità di organizzarsi insieme, in modo sostenibile e amorevole, e di lottare per la libertà e la giustizia delle persone di colore a Innsbruck. Il nostro lavoro mira consapevolmente a formare e promuovere una comunità nera in lotta contro il razzismo e le privazioni, che sia consapevole della propria storia e non usi gli stessi meccanismi di oppressione gli uni contro gli altri.

Con il progetto #wegonnabreath vogliamo scrivere un pezzo di "storia nera" a Innsbruck.

Storia nera

Il nostro lavoro cerca di creare un accesso alla "loro" storia per le persone di colore di Innsbruck, per poter comprendere le attuali strutture sociali e l'inclusione individuale. Le persone di colore fanno parte della società austriaca da secoli e quindi anche della storia austriaca. Tuttavia, siamo strutturalmente esclusi o descritti come stranieri nella cultura locale della memoria e della storia. Le nozioni essenzialiste di appartenenza nazionale devono essere rifiutate in modo duraturo.

Vogliamo entrare in contatto con le persone e le loro biografie, le loro storie, la loro vita quotidiana, il loro lavoro e il loro pensiero creativo, che altrimenti a Innsbruck sono poco ascoltati. Vogliamo ricercare, scoprire, imparare, festeggiare, rilassarci e documentare tutto insieme.

Noi, la Comunità Nera di Innsbruck, abbiamo pianificato questo progetto da tempo: i tempi sono ormai maturi per realizzarlo, renderlo pubblico, rafforzare la nostra comunità e farla crescere.

Con il nostro lavoro vogliamo portare avanti le nostre idee di una società aperta, più solidale e plurale. Per farlo, è necessario dimostrare che tale società esiste da tempo e che detiene grandi ricchezze. Con questo progetto vogliamo dimostrare che le persone della diaspora africana plasmano la cultura e la storia di Innsbruck in molti modi e che c'è molto da imparare da loro.

Il contesto del progetto

Più di 60 anni fa, lo scrittore afroamericano James Baldwin venne in Europa e dichiarò: La maggior parte degli europei non aveva mai visto una persona di colore. Baldwin si sentiva uno spettacolo da vedere: "Se stavo seduto al sole per più di cinque minuti, qualche creatura particolarmente coraggiosa si avvicinava di sicuro e metteva ansiosamente la mano sulla mia e si chiedeva perché il colore non venisse via", scrisse nel 1955 in "Stranger in The Village". Da allora molto è cambiato, la società austriaca sta diventando sempre più pluralista, le persone di colore fanno parte della vita quotidiana e continueranno a plasmare l'Austria in futuro.

E Innsbruck?

Innsbruck, le sue montagne e il turismo sono un luogo centrale per la storia, la migrazione e la vita. I neri sono arrivati e continuano ad arrivare da molti Paesi diversi e per molte ragioni diverse. Molti sono nati qui come austriaci, altri vengono dall'America, dall'Africa, molti sono richiedenti asilo. Ma quasi nessuno conosce la nostra storia. Chi siamo? Quali sono le nostre storie? Come si vive a Innsbruck? Quali esperienze abbiamo qui? Qual è il nostro legame con la città e i suoi abitanti? Cosa possiamo cambiare e come possiamo far funzionare il cambiamento? Quali esperienze di discriminazione (dalla politica razzista delle porte dei club al razzismo istituzionale) dobbiamo affrontare a Innsbruck?

Il nostro progetto vuole cambiare questa situazione. L'attenzione è rivolta alle persone di colore, le cui voci sono state e sono spesso le meno ascoltate. Lavoriamo con l'obiettivo di promuovere una rete che riconosca e applichi le esperienze quotidiane e i poteri di ogni persona di colore - a prescindere dall'età, dall'identità di genere reale o percepita, dall'orientamento sessuale, dallo status economico o sociale, dallo stato di immigrazione o di residenza, dal credo religioso o dalla non credenza - per porre fine a tutte le forme di oppressione.

Per noi è un dovere rendere le nostre attività a misura di famiglia, per consentire a genitori e figli di partecipare in modo sostenibile e attivo. In questo modo, vogliamo allontanarci dalle idee e dalle strutture familiari occidentalizzate e patriarcali, vedendoci come una famiglia allargata. In concreto, ciò significa sostenersi a vicenda e interessarsi l'uno all'altro.

Ognuno insegna a uno - intergenerazionalità

Ci impegniamo a promuovere una rete intergenerazionale e comunitaria priva di discriminazioni legate all'età. Crediamo che tutte le persone, indipendentemente dall'età, abbiano capacità di apprendimento e di insegnamento. Inoltre, consideriamo la collaborazione intergenerazionale una risorsa preziosa che mette in contatto diversi spettri di esperienza con nuove visioni e arricchisce ideologicamente e concettualmente il nostro lavoro comunitario.

città_potenziale 2020

La città appartiene a tutti noi

Un progetto dell'associazione Donne di tutti i Paesi

stadt_potenziale 2020, importo del finanziamento: 14.689,13
Attuazione: 2020/2021

Descrizione del progetto

In termini di contenuti, la mostra renderà visibili da un lato le prospettive delle donne che hanno contribuito a dare forma ai risultati ora elaborati nei workshop del 2019, dall'altro la loro visione di Innsbruck e della città. D'altro canto, verranno elaborati impulsi di riflessione per un esame (auto)critico delle questioni relative alla mobilità e al movimento nello spazio pubblico, nonché ai privilegi in questo contesto. Per rendere la mostra accessibile al maggior numero possibile di persone, sarà curata da due formatori di lingua tedesca e, infine, saranno offerti laboratori per donne con storie di migrazione o di rifugiati.

Inaugurazione della mostra: La città è di tutti noi.

Le donne migranti si pubblicano nello spazio pubblico.

Sulla base di queste domande, è stata condotta una serie di workshop tra donne di tutti i Paesi nell'ambito del progetto The City Belongs to All of Us 2019. Un gruppo di donne migranti* si è confrontato con Innsbruck come città e come spazio di vita. Si sono scambiati idee sulla loro vita a Innsbruck, hanno visitato luoghi importanti durante le escursioni e hanno elaborato le loro impressioni in modo creativo. Da qui è stata concepita una mostra itinerante composta da 11 roll-up tematici nell'ambito di City Potentials 2020. In esso, il gruppo mostra il proprio punto di vista sulla città e allo stesso tempo occupa uno spazio in questa città. Ma dà anche impulsi di riflessione, che vorrebbero avviare un ragionamento sugli ostacoli e le possibilità di partecipazione in una città.

La mostra itinerante è stata esposta nel foyer del BFI Tirolo fino al 04.03.2022 nell'ambito della serie di eventi "aus.grenzen:auf.machen".

La città appartiene a tutti noi

Mostra itinerante "La città è di tutti noi".© Frauen aus allen Ländern

Le storie quotidiane di Innsbruck

Un progetto di Zweitgeschichte

stadt_potenziale 2020, importo del finanziamento: 9.356,18
Attuazione: 2020/2021

Descrizione del progetto

In questo progetto raccontiamo la storia del giorno in cui la vicenda di Ibiza è stata portata all'attenzione del pubblico dal punto di vista di alcuni membri dell'Iniziativa Schwarze Frauen* di Innsbruck. Ciò avverrà attraverso un teatro di carta, che riporta al presente una forma d'arte caduta nel passato. Il teatro di carta è una forma di teatro a bassa soglia. Figure di carta incollate al legno si esibiscono davanti a postazioni di carta che cambiano. Il nostro teatro politico affronta gli effetti della politica populista di destra sui gruppi emarginati della nostra società, con l'obiettivo di rendere tangibili gli umori e gli atteggiamenti politici.

Ischgl. Rivolta dei pinguini (presentato come: Ischgl. An aprés apres ski)

Un progetto di Postmodern Talking - Franz-Xaver Franz

Finanziamento: 13.000 euro
Attuazione: 2021/2022

Descrizione del progetto

"Ischgl. Un aprés apres ski" è una pièce teatrale semi-documentaristica che affronta da diverse prospettive le vicende legate agli eventi di Ischgl (e di tutto il Tirolo) che hanno fatto scalpore in tutta Europa nel corso della diffusione del covid-19.

vogliamo concentrarci su quelle persone che, come spesso accade, rimangono in gran parte invisibili: i lavoratori stagionali migranti che lavorano in Tirolo non solo nell'agricoltura, in numero così elevato che senza di loro si rischia il collasso economico (lavoratori del raccolto), ma anche nel turismo. vogliamo seguire le loro tracce, fuori dalla città, verso zone come Ischgl, St. Anton e la Zillertal, luoghi che, almeno per me personalmente, sembrano più lontani ed estranei di Berlino o New York.

Che aspetto ha avuto il cambiamento?

Un viaggio folle attraverso due anni di pandemia, da Ischgl ai confini esterni dell'Europa, da Wuhan a Bergamo e ritorno, nella mecca degli sport invernali dove alcuni hanno fatto tutto bene e altri sanno tutto meglio. Oggi la domanda non è più se il Tirolo possa sopravvivere senza turismo, ma nonostante il turismo. A Ischgl. La rivolta dei pinguini, il turismo di massa diventa un test di massa, i pinguini provano la rivolta, gli albergatori finiscono in un monastero e Xaver Schumacher e Meera Theunert dimostrano di aver perso tutto tranne le loro risate.

Di e con: Xaver Schumacher e Meera Theunert. Una produzione parlante postmoderna

Ricerca: Sónia Melo. Costumi: Wiebke Strombeck. Collaborazione artistica: Lia Sudermann, Martin Fritz, Elias Candolini

Ischgl. Rivolta dei pinguini

Ischgl. Rivolta dei pinguini © Franz-Xaver Franz

Menzogna, astuzia, negazione

Un progetto di Zweiwerk - Carolin Bohn e Anna von Schrottenberg

Importo del finanziamento: 10.130 euro
Attuazione: 2020/2021

Descrizione del progetto

Menzogna, astuzia, negazione. Workshop su una cultura/storia europea con espressione performativa

Il laboratorio teatrale su "Menzogna, astuzia e negazione" apre uno spazio che, al di là di un'incarnazione morale, pone domande. A cosa ci serve questa o quella bugia? Ne vale la pena? È possibile vivere senza? Come sarebbe un mondo - e una politica - senza bugie? Come sarebbe un mondo in cui si fa una distinzione tra bugie buone e cattive? Come sarebbe un mondo in cui questa domanda non ha alcun ruolo? Con Corona, viviamo in un periodo di incertezza, nessuno sa cosa fare, se si è infetti, quanto sia pericolosa la pandemia, se il coprifuoco globale stia facendo il suo lavoro. Non avere un piano è come un caos nella mente, estremamente inquietante: può ancora essere un'opportunità? Possiamo, in mezzo e dopo la prima ondata di Corona, ancora illuderci, o ci stiamo illudendo ancora di più della sicurezza? La menzogna funziona ancora, come funziona attualmente? È ancora utile o si sta solo liberando?

Facciamo ricerche sul posto e intervistiamo i passanti, i partecipanti ai laboratori e le istituzioni come case di riposo, scuole, amministrazioni comunali, carceri, università e centri terapeutici. Alla fine, si crea un caleidoscopio di strategie individuali e istituzionali di menzogna e inganno, di guadagni e perdite personali attraverso la menzogna e l'inganno, di disillusione e visione rispetto allo strumento quotidiano della dissimulazione. I risultati saranno preparati drammaturgicamente e presentati per una performance finale con i partecipanti al workshop.

Attuazione del progetto: bugie, astuzia, negazione

La mia ultima bugia è stata utile? Qual è il suo prezzo? Vale la pena di rifiutare? Come sarebbe un mondo senza bugie? La menzogna è ancora utile? Sta facendo a meno di se stesso?

Sul sito www.luegen.net è emerso un vertiginoso caleidoscopio di smentite individuali e strategie di menzogna istituzionali: Storie di guadagni personali e di perdite dolorose attraverso la menzogna, di disillusioni attraverso l'inganno, di grandi visioni e di incredibili impertinenze nei confronti dello strumento quotidiano della dissimulazione sono unite tra loro - al di là di rivendicazioni o valutazioni morali.

A partire da maggio 2021, il progetto è apparso inizialmente in una veste online; a luglio, le responsabili del progetto Anna von Schrottenberg e Carolin Bohn - in linea con i rispettivi regolamenti Corona - hanno realizzato laboratori e una mostra work-in-progress intorno al tema della menzogna: raccontare, ascoltare, giocare, scrivere, disegnare. Il sito web è stato popolato di storie di bugie, il progetto è stato accompagnato da un blog.

Ogni storia di menzogna era benvenuta, ogni pensiero e ogni sentimento sulla menzogna, sull'astuzia, sulla negazione. Chiunque abbia ancora una storia in serbo può inviarla via e-mail a info@luegen.net.

Caleidoscopio

Il caleidoscopio della lista delle bugie per ascoltare, vedere, leggere... è andato in onda nel luglio 2021 e da allora è disponibile online all'indirizzo: www.luegen.net/kaleidoskop

Laboratori

Una panoramica dei workshop realizzati nell'ambito del progetto è disponibile sul sito www.luegen.net/workshops

Mostra

Nel luglio 2021 si è tenuta una mostra nella Kesselhaus di Karmelitergasse 21 a Innsbruck. Per ulteriori informazioni, vedere www.luegen.net/ausstellung

Di padri e figli (presentato come Eredi di Adamo)

Un progetto di Nicola Nagy e Marlene Schlichtenhorst

Importo del finanziamento: 13.700 euro
Attuazione: 2020-2022

Descrizione del progetto al momento della presentazione
(Con il titolo "Gli eredi di Adamo - una ricerca biografica familiare di tracce tra città e campagna")

Padri e figli è un documentario etnografico sul movimento dalla città alla campagna e dalla campagna alla città e sulle connessioni che ne derivano, dal punto di vista degli uomini di tre generazioni di una famiglia tirolese. Nonno, padre e figlio condividono le loro biografie sullo sfondo di un diverso posizionamento socio-spaziale in città, in campagna e nel mezzo. L'attenzione si concentra sul rapporto generazionale e sulle idee tradizionali e mutevoli di mascolinità nei progetti di vita dei tre protagonisti.

Hugo vive nella Pitztal da 85 anni, Martin ha lasciato la valle della sua infanzia in tenera età, Jeremias è estraneo a questa (grande) casa paterna, essendo cresciuto a Innsbruck. I registi moderano un incontro aperto tra i tre uomini, un esperimento sociale che punta oltre se stesso: Adam's Heirs ritrae superficialmente una conversazione biografica familiare molto personale sulla città e sulla campagna. Ma ciò che viene espresso in questo modo è esemplare per numerose biografie di famiglie tirolesi e per le questioni direttamente collegate dell'identità e della perpetuazione delle dinamiche familiari, alla luce delle convinzioni religiose e delle idee di tradizione, patria e mascolinità.

Quanta valle rurale vive in città? Quanto la città viene trasportata nella vita rurale? Quali idee di mascolinità si manifestano attraverso le generazioni e i diversi stili di vita in città e in campagna? Queste domande costituiscono il filo conduttore del film Adam's Heirs, che si propone come una ricerca biografica familiare di tracce e come una messa in discussione critica delle costruzioni sociali della mascolinità.

Di padri e figli

Di padri e figli. Poster: Martin Eiter© Plakat: Martin Eiter

Macchina del tempo #1

Un progetto dell'Associazione Freifall

Importo del finanziamento: 9.124,69 euro
Attuazione: 2020/2021

Descrizione del progetto

Michael Ende una volta scrisse una nota su un pezzo di carta. Continuava a scrivere appunti su piccoli pezzi di carta. Li ha chiamati appunti. Una di queste si intitola "L'uomo perduto" e recita come segue: "Si consegna all'ufficio oggetti smarriti e si siede sullo scaffale. Di tanto in tanto chiede al funzionario se un proprietario non si è fatto avanti. Dopo un anno e un giorno, si fa trovare, visto che è lui il cercatore"

Vogliamo creare uno spazio in cui possiamo abbandonarci per un momento, in cui possiamo abbandonarci, in cui possiamo fermare il tempo o in cui possiamo prenderci il nostro tempo. Un rifugio. Un bacino di raccolta. Un bunker. Un campo base. Una grotta. Un igloo. Un tempio. Una cappella moderna. Una capsula spaziale. Un'astronave. Una macchina del tempo con la quale possiamo guardare nel passato e nel futuro. Ma soprattutto una macchina del tempo con cui guardare al presente. Uno spazio in cui possiamo, come ho detto, fermare il tempo e fare una pausa dalla vita frenetica, veloce e rumorosa di fuori. Uno spazio di silenzio. Uno spazio per la contemplazione. Uno spazio per nuove idee. Per nuovi modi di incontrare noi stessi e il mondo intero. Uno spazio in cui possiamo trovare noi stessi e in cui possiamo rinunciare (a noi stessi). (Rinunciare) può non significare allontanarsi dal mondo. Potrebbe significare proprio il contrario. Rivolgersi al mondo.

città_potenziali 2019

Il tatuaggio letterario

Un progetto del Literaturclub/rivista Cognac e Biscotti

Importo del finanziamento: 7.000 euro
Realizzazione: febbraio 2021

"Il tatuaggio letterario
Numero 42, 23° o 24° volume, della rivista letteraria tirolese Cognac & Biskotten
sul tema "Sotto la pelle
Luogo: Studio di tatuaggi o fiera o altri luoghi, Innsbruck

La rivista letteraria urbana di Innsbruck Cognac & Biskotten, che da 22 anni cambia tema, formato e luogo di presentazione da un numero all'altro e quindi si reinventa sempre, si sta ora scavando sotto la pelle con il numero 42 del 2020/2021, dopo temi di grande impatto come il tram letterario o la borsa di plastica letteraria.

Non solo (in senso figurato come prima) in profondità sotto l'epidermide, nella testa e nel cuore dei lettori e degli ascoltatori, ma nel senso più vero del derma degli autori. Questa volta, i testi selezionati dei rispettivi autori saranno incisi come tatuaggi sulla loro pelle.

Il tatuaggio letterario

Il tatuaggio letterario© Tirol Werbung, Gerhard Berger

Da dieci a quindici autori (preferibilmente di Innsbruck e Tiral) costituiranno questa edizione d'arte urbana, che non potrà essere acquistata né consegnata alla Biblioteca Nazionale come copia di deposito, ma esisterà (continuerà a esistere) solo grazie all'esistenza dei suoi autori.

La presentazione si svolgerà come sessione di tatuaggio nell'arco di uno o più giorni in uno studio di tatuaggi o in una fiera di tatuaggi a Innsbruck. Accompagnato da musica dal vivo, performance e letture sul tema "Under the Skin" (soprattutto da parte di quegli autori che sono attualmente tatuati).

Tutti i testi, le registrazioni delle presentazioni e gli eventi delle sessioni saranno documentati e successivamente pubblicati in un opuscolo, che tuttavia deve essere inteso solo come promemoria o documentazione (e non come un numero di Co & Bi).

Riot Brushes Fest - Goschat und zwieder

Un progetto di Krawallbürsten Kollektiv

Importo del finanziamento: 4.340 euro
Realizzazione: 11. e 12.10.2019

Festa dei pennelli Riot

Poster del Riot Brush Festival© Krawallbürsten Kollektiv

Descrizione del progetto:

Goschat e zwieder - le donne, le lesbiche, le persone inter, trans, agender e non binarie (FLlTAN*) hanno ancora troppi motivi per farlo nella scena culturale. Il progetto "Krawallbürsten Fest" si concentra sulla sottorappresentazione ancora esistente delle persone FLlTAN* nella scena musicale e culturale, sia sul palco che in relazione a promotori e organizzatori. Anche le iniziative culturali autonome di solito non sono isole di spazio per persone FLlTAN* culturalmente motivate, a parte il lavoro di riproduzione sullo sfondo: fare la spesa e cucinare per gli eventi viene assunto tanto quanto i turni al bar e le pulizie del giorno dopo. Tuttavia, la comunicazione e la rappresentanza esterna, cioè le relazioni pubbliche, le prenotazioni e le finanze, sono spesso in mani maschili. Di conseguenza, i posti nel consiglio di amministrazione vengono occupati di conseguenza. Naturalmente queste osservazioni non si applicano in egual misura a tutte le iniziative culturali, ma si notano comunque delle tendenze in questa direzione. Vogliamo riflettere criticamente su queste pratiche di lavoro culturale, rendere visibili le gerarchie di genere esistenti e, nello spirito di goschat und zwieder, reagire alla difficoltà di essere indipendenti nel settore degli eventi dominato da uomini cis-sessuali nell'ambito di un festival che si autoalimenta. Il Krawallbürsten Fest è un festival artistico e culturale di due giorni, non commerciale (workshop, concerti, performance), in cui si crea uno spazio per la discussione di questioni femministe e queer.

Festa di Krawallbürsten - Goschat und zwieder

Programma:
11.10.2019
Conferenza presso Decentral (Hallerstr. 1), seguita da concerti
Shoki (D-Beat, Milano) | Lucta (Punk, Milano) | Afterparty con Sandy im Getriebe

12.10.2019
Gattaca (Crust Punk) | Babsi Tollwut (Rap) | The Cleopatras (Rock'n'roll/Surf) | Amanda X (Post Punk) | Absatz1 (Techno/Cantautore) | Drowning Dog & Malatesta (Rap) e DJane Ultra Ulla

Colmare le lacune - Più invece che vuoto

Un progetto di DIE LÜCKE - Verein zur temporären Zwischennutzung ..

Importo del finanziamento: 13.000 euro

Descrizione del progetto

Quasi tutte le città austriache hanno già creato organismi amministrativi e/o gruppi di interesse sotto forma di associazioni per affrontare la questione dei posti vacanti.

A Innsbruck e in Tirolo questa organizzazione è ancora assente. Vogliamo colmare questo divario, o meglio, l'associazione dovrebbe colmare il divario e fornire il quadro appropriato con gli strumenti adeguati.

I posti vacanti si creano per vari motivi: Timori, mancanza di domanda, mancanza di qualità immediatamente visibile, età avanzata - dello spazio e/o del proprietario, difficoltà ereditarie, abitudine al "non utilizzabile" sfitto. Queste paure, questa mancanza devono essere eliminate.

Con un lavoro di sensibilizzazione, educazione, riferimenti - e nel modo più libero, giocoso e democratico possibile. Ecco perché dobbiamo affrontare la questione ora, prima che tra qualche anno entrino in vigore nuove leggi e regole che favoriscano i motori economici e che la carenza di spazi accessibili diventi sempre più grave.

IL PROGETTO VACANCY FILLER - Rintracciare gli spazi vacanti

Gli spazi liberi sono una risorsa urbana che dovrebbe essere accessibile al maggior numero di persone possibile. In questo modo, gli spazi vuoti diventano spazi di opportunità. A Innsbruck gli affitti sono aumentati a dismisura negli ultimi anni e gli spazi abitativi sono scarsi e costosi, più di quelli di molte altre città a causa della posizione geografica nella valle dell'Inn. Vogliamo rintracciare gli spazi liberi, renderli visibili e discuterne il potenziale con gli esperti.

PROCEDURA

Preparazione: almeno 4 settimane prima, volantinaggio comunitario, giornali, online, organizzazione di relatori, fissazione della data

Attuazione: evento di avvio con conferenze e discussioni, partecipazione del pubblico, ricerca dei posti vacanti insieme, mappatura, documentazione, visibilità, ricerca delle ragioni, discussione dei problemi

Follow-up: valutare le informazioni raccolte dalle proprietà sfitte, rendere visibile

Visioni future: Piattaforma online per mettere in contatto i proprietari di immobili sfitti con gli utenti di immobili sfitti

Tavola rotonda sulla musica a Innsbruck

Un progetto di LoR. Leggende del Rock

Importo del finanziamento: 5.000 euro
Attuazione: in corso; Festival Musikstammtisch: 2019

Descrizione del progetto da presentare

Il Musikstammtisch è stato lanciato nell'autunno 2017 come progetto dell'iniziativa LoR. come programma radiofonico su Radio Freirad. Le band sono state invitate a presentare le loro composizioni dal vivo in studio. Vista l'ampia partecipazione di musicisti della regione, durante il primo Stammtisch è nata l'idea di affermare il programma dal vivo come una costante della scena musicale locale.

Dopo il secondo tavolo regolare, con oltre 80 iscrizioni di musicisti e ospiti, il tavolo regolare si è spostato alla Treibhaus di Innsbruck, dove i musicisti sono stati accolti a braccia aperte e da allora i tavoli regolari si sono tenuti quattro volte all'anno.

Come format live, il Musikstammtisch è finora unico in Austria e sottolinea come Innsbruck sia un terreno fertile per la musica innovativa tirolese. Come evento clou della serie di eventi nel 2019, è stato programmato per la prima volta un "Musikstammtisch Festival" alla fine dell'anno, che supera le dimensioni dei normali Stammtische e in cui sono stati selezionati dagli operatori del progetto quattro gruppi musicali che si sono già esibiti allo Stammtisch di Treibhaus nel corso della serie di eventi.

L'associazione "LoR. L'associazione "Legends of Rock" collabora con Treibhaus e Radio FREIRAD per questo progetto.

Realizzazione del progetto: Musikstammtisch Innsbruck

Il Musikstammtisch è un progetto di rete avviato dall'associazione culturale LoR. Leggende del rock. In collaborazione con freirad Freies Radio Innsbruck e la Treibhaus, venivano regolarmente organizzati concerti che venivano trasmessi in diretta su Freirad. Il Musikstammtisch ha presentato Innsbruck come luogo di diversità musicale e ha contribuito in modo significativo alla visibilità dei musicisti locali. Inoltre, il Musikstammtisch ha avviato collaborazioni tra artisti e ha offerto ai nuovi arrivati una piattaforma adeguata.

Tra i successi eccezionali si annoverano la Sala delle donne, una versione speciale del Musikstammtisch per promuovere le musiciste, e il Musikstammtisch Festival.

Sale da pranzo: come il cibo modella il nostro spazio abitativo

Un progetto di feld - Associazione per l'utilizzo di materiale inutilizzato

stadt_potenziale 2010, importo del finanziamento: 5.050,- €
Attuazione: ottobre 2020

Descrizione del progetto

In che modo il cibo dà forma al nostro spazio vitale? In che modo la nostra cultura alimentare plasma la città in cui viviamo? Il cibo e l'alimentazione hanno un'influenza diretta sull'architettura, sul traffico, sul commercio, sulla produzione. Come si manifesta questa influenza? Quali strutture si trovano oggi e come sono nate?

L'offerta di cibo alla popolazione è soggetta a continui cambiamenti. Questo non solo influisce sulla quantità di cibo utilizzato, ma modifica anche lo spazio urbano. Il Feld-Verein ha pianificato di fare ricerca insieme, di trovare, sperimentare o mettere in discussione insieme le connessioni e quindi di offrire una visione delle strutture attualmente esistenti.

Concezione e pianificazione

Per l'attuazione del progetto "Sale da pranzo", i dodici membri di feld-verein.at Verein zur Nutzung von Ungenutztem (Associazione per l'uso dello spazio inutilizzato) hanno concepito e pianificato, in gruppi di lavoro, escursioni sul tema dell'alimentazione sostenibile. Sono state effettuate ricerche, sono stati definiti i contenuti, sono stati tracciati i percorsi escursionistici e sono stati svolti ulteriori lavori preparatori. Per l'autunno 2020 sono state programmate cinque escursioni:

  • Passeggiata in città: approvvigionamento alimentare/commercializzazione in città, aneddoti storici, cambiamenti in città e tracce visibili, conoscenza collettiva degli abitanti
  • Escursione in bicicletta dei grandi produttori: approvvigionamento della città, sviluppo dell'agricoltura, disaccoppiamento spaziale - visita alle fattorie di ortaggi nei dintorni di Innsbruck
  • Agricoltori di città Escursione a piedi: agricoltura urbana - cambiamenti, sfide e perseveranza, impatto sul paesaggio urbano, approvvigionamento diretto della popolazione
  • Escursione pane e cereali in bicicletta: approvvigionamento della città, sviluppo delle panetterie, cambiamenti spaziali e sociali causati dal pane come alimento
  • CenaDeluxe: verdure in eccesso servite esclusivamente dall'associazione feld, spazio per la discussione e la conclusione comune

Implementazione

Durante la prima escursione di "Speiseräume" (foto), il feld-Verein ha condotto un gruppo di persone interessate ai contadini della città di Innsbruck nell'ottobre 2020. Le altre escursioni previste hanno dovuto essere rinviate più volte e infine cancellate a causa della continua incertezza della pianificazione per il 2020/2021.

Top Secret

Un progetto di Katharina Cibulka

Importo del finanziamento: 12.820 euro

Attuazione: primavera 2020 o primavera 2021

Descrizione del progetto

Attenzione Si tratta di un testo codificato.

TOP SECRET funziona soprattutto grazie all'elemento sorpresa. Quindi lei è intenzionalmente un alleato.

La storia di fondo

Mio padre, nato nel 1927, oggi più che mai rivive le esperienze della sua infanzia negli anni del dopoguerra. Sollecitato dal cambiamento strisciante degli atteggiamenti nei nostri tempi ancora pacifici, egli ripesca dalla sua memoria un'azione di propaganda della NSDAP del 1938, trasformandoci così postumi in testimoni contemporanei:

L'atto

Nella primavera del 1938, la natura intorno a Innsbruck fu sfruttata a fini propagandistici dalla NSDAP. La storia si è inscritta come un tatuaggio nella società e nel paesaggio e si ritrova ancora oggi in frammenti.

O si sta addirittura rianimando al momento?

TOP SECRET è un progetto che fa riferimento a un'azione avvenuta a Innsbruck nel 1938.

Il riferimento al presente

Dopo 75 anni di pace in Austria, ora vivo sviluppi politici paralleli a quell'epoca e mi sento in dovere di alzare la voce e caricare il luogo dell'evento = scena del crimine con un messaggio positivo.

Città invisibili Innsbruck (presentato come Invisible Cities Lab)

Un progetto di Peter Lorenz e del Gruppo Doing

Importo del finanziamento: 15.820 euro
Attuazione: 2020/2021

Descrizione del progetto

Introduzione

Città invisibili Innsbruck è un mondo vario come l'immaginazione dei suoi abitanti. Ognuno di noi vive la propria realtà di Innsbruck. Il modo in cui una persona vive e immagina la città dà forma alla sua versione individuale di Innsbruck - è la sua città invisibile. La somma di tutte queste Città Invisibili, cioè l'incontro di tutte le diverse realtà di vita degli abitanti di Innsbruck, costituisce la città. Il progetto performativo, orientato al processo, cerca di esplorare, documentare e discutere la moltitudine di prospettive vissute e di versioni invisibili della città di Innsbruck.

Prologo

Il sound artist Nicola di Croce di Venezia ha lavorato insieme ad artisti locali sui mondi sonori di Innsbruck durante la quarantena. Nel tentativo di sviluppare metodi partecipativi e processi collaborativi, essi rendono udibile la diversità delle realtà sonore di Innsbruck in tempi di pandemia globale. Le registrazioni sul campo raccolte sono combinate con campane come punti di riferimento sonori per esplorare le risonanze urbane e creare una mappa sonora multistrato della città, come un indice metaforico delle città invisibili di Innsbruck. Questa performance sonora multicanale site-specific è stata realizzata in collaborazione con la fonderia di campane Grassmayr di Innsbruck e openspace.innsbruck nell'ambito del festival Heart of Noise e ha rappresentato il prologo del progetto.

L'intero progetto di partitura con 18 contributi può essere visto e ascoltato su magiccarpets-innsbruck. I contributi sono stati forniti da Milena Meller, Anna Lerchbaumer, Lucas Norer, Andreas Zissler, Lukas Moritz Wegscheider e altri.

Capitolo

Se immaginiamo la città di Innsbruck come un libro, la realtà di ogni abitante rappresenta un capitolo indipendente. La raccolta di queste immagini personali della città sfida la narrazione omogenea di Innsbruck come uno sterile centro storico per turisti e sottolinea la diversità che si trova all'interno della città.

Per raccogliere queste realtà di vita in tempi di pandemia, una scatola di pizza è stata riempita con una macchina digitale e interattiva. Questa performance di pizza box è stata consegnata direttamente a casa dei partecipanti dal 28.9. al 4.10.2020 su prenotazione telefonica al numero +43.681.20171494, nel rispetto di tutte le norme igieniche. In questo modo, l'arte socialmente impegnata potrebbe continuare a essere praticata come servizio di consegna rilevante per il sistema anche in caso di un'altra quarantena.

Nell'arco di 30-60 minuti, i partecipanti sono stati introdotti nel mondo delle città invisibili di Innsbruck e guidati a usare la loro immaginazione per trasformare creativamente la città attraverso descrizioni, suoni e forme.

Tutti i capitoli creati sono stati poi esposti sul sito web di magiccarpets-innsbruck.

Epilogo

Come epilogo del progetto, tutti i paesaggi urbani raccolti sono stati esposti insieme sotto forma di un'installazione mobile negli spazi pubblici di Reichenau, del Villaggio Olimpico, di Wilten e di Hötting West. Nell'ambito dei Premier Days Innsbruck, l'installazione mobile intende contribuire a decentralizzare la percezione di Innsbruck attraverso attività creative al di fuori del centro cittadino e, allo stesso tempo, a evidenziare la diversità dei paesaggi urbani di UNSICHTBARE STÄDTE INNSBRUCK. Un modello di città pop-up fatto di scatole di pizza ospitava la moltitudine di paesaggi urbani fantasiosi che sono stati trasformati in brevi video dall'artista Eleni Palles. Queste versioni creative di Innsbruck sono state accostate spazialmente l'una all'altra in un dialogo per comprendere e negoziare collettivamente l'identità di Innsbruck.

Poiché questa installazione non ha avuto l'opportunità di essere presentata al pubblico nel 2020 a causa dell'isolamento e delle misure epidemiologiche, il team di UNSICHTBARE STÄDTE INNSBRUCK è subentrato nel progetto Magic Carpets Year 4 chiamato "Da!zwischen".

Programma:

  • Martedì 15.6.2021
  • 12:00-15:00 Villaggio Olimpico: Piazza DDr.-Karl-Lugger
  • 16:00-19:00 Wilten: Wiltener Platzl
  • Mercoledì 16.6.2021
  • 12:00-15:00 Hötting West: parcheggio di fronte alla Kolpinghaus
  • 16:00-19:00 Piazzale Sillpark
  • Giovedì 17.6.2021
  • 12:00-15:00 Reichenau: piazzale della chiesa di Paulus
  • 16:00-19:00 Piazza del Mercato

Gruppo di progetto

  • Peter Lorenz
  • Nicola di Croce
  • Philipp Schwaderer e Jan Contala
  • Stefan Rasberger
  • Eleni Palles
  • tecnica ludwig
  • Danijela Oberhofer Tonkovic
  • Charly Walter
  • Il Gruppo Doing

città_potenziali 2018

3.5.1945

Un progetto di Hans-Jürgen Poetz

intervento spaziale site-specific /Scultura 2017/18

Il 26 febbraio 1945, tre agenti di un'unità speciale statunitense si paracadutarono sul Sulztaler Ferner. Franz Weber, un ufficiale della Wehrmacht disertore di Oberperfuss (come abitante del luogo era responsabile dei contatti e della clandestinità), e gli emigranti ebrei Fred Mayer di Friburgo (esploratore) e Hans Wijnberg di Amsterdam (radiotelegrafista) si erano offerti volontari per questa missione suicida chiamata Operazione Greenup, per raccogliere informazioni sul traffico ferroviario verso Innsbruck e sul progetto di un bastione di montagna in questa zona strategicamente nevralgica.

Anche molte donne tirolesi contribuirono in modo significativo al successo della missione, che portò Innsbruck ad essere dichiarata città aperta il 3 maggio 1945 e consegnata agli americani senza combattere. L'audace operazione Greenup salvò significativamente Innsbruck dalla distruzione nel 1945.

Per ricordare l'impatto che le azioni coraggiose di pochi individui possono avere su molti altri, la data del 3 maggio 1945 appare come una scultura site-specific fatta di grandi numeri nello spazio urbano di Innsbruck - un monumento al passato e un'arma del presente. In questo modo, una storia di coraggio, che per lo più avviene in silenzio, riceve l'attenzione generale. Di tutti questi piccoli incidenti, che insieme formano il tessuto del corso del mondo, se ne conoscono pochissimi, perché la percezione pubblica è limitata e la coscienza storica è smemorata. Per collegare le persone e la storia, a complemento del progetto è stato creato un sito web che fungerà da piattaforma informativa e di comunicazione aperta.

Per le strade di Innsbruck. Documentazione

Un progetto di Soliarts

Attuazione: dall'estate 2018 alla primavera 2019

Descrizione del progetto

Nell'ambito di stadt_potenziale 2018, viene realizzato un documentario sulla vita nelle strade di Innsbruck. Il progetto si concentra sul punto di vista delle persone che vivono per strada in relazione al divieto di pernottamento e ad altre politiche di spostamento e proibizione, nonché dei politici e delle associazioni per i senzatetto. Nel periodo da luglio a dicembre 2018, dieci persone senza fissa dimora saranno intervistate su come le loro vite sono cambiate dalle sanzioni e quali effetti hanno su di loro i discorsi sociali. Soliarts, con la gestione del progetto e la direzione di Sarah Milena Rendel e del resto del team, si occuperà della realizzazione e, in un processo democratico con i partner dell'intervista, svilupperà un documentario su come la vita in strada si sviluppa, può cambiare e quali misure politiche sono rilevanti per le persone interessate. Dopo la fine delle riprese, nel dicembre 2018, il film sarà proiettato pubblicamente dopo tre o quattro mesi di post-produzione e ci sarà un ciclo di discussione con i partecipanti: Si prevede che ciò avvenga nella primavera del 2019.

La stazione merci come potenziale urbano

Un progetto di aut.architektur und tirol

Realizzazione: 09. e 10.06.2018

Descrizione del progetto

Un'area al centro della città, da anni oggetto di proiezione da parte della politica e dell'amministrazione come futuro quartiere cittadino, ma in gran parte sconosciuta nella percezione pubblica: la stazione merci di Innsbruck, una perla nascosta situata tra la stazione ferroviaria principale e il fiume Sill e tra la Biblioteca civica di Innsbruck, che sarà inaugurata nel 2018, e St. Pochi abitanti di Innsbruck conoscono l'area, l'hanno visitata o ne hanno scoperto le qualità, alcuni vi lavorano, come i quasi 500 dipendenti delle ÖBB e delle aziende di spedizione, e pochi la utilizzano come spazio di svago o rifugio. Questo spazio sconosciuto della città sarà reso noto al pubblico attraverso un ampio programma culturale nell'ambito delle Giornate dell'Architettura 2018, che si svolgeranno in tutta l'Austria, e saranno affrontate le possibilità di collegamento con i quartieri vicini, rendendo così visibile il potenziale di quest'area.

La sede centrale sarà la Remise, che sarà utilizzata per i numerosi punti del programma e servirà come punto di partenza per le visite guidate nell'area. Il sito sarà ricodificato culturalmente attraverso conferenze, mostre, proiezioni di film, una tavola rotonda, nonché un bar, un mercato alimentare e un concerto e quindi reso tangibile come futuro spazio abitativo.

Partner di cooperazione: bilding, BBT SE, columbosnext, Ferrari School, LAAC Architects, Leokino, ÖBB, Stadtbücherei, die stadtführerINNen, Stadtplanung Innsbruck.

ulteriori informazioni su www.aut.cc

La borsa letteraria

Un progetto di Literaturclub Cognac & Biskotten

Thomas Schafferer davanti al castello di Ambras

Thomas Schafferer davanti al castello di Ambras© Co&Bi

Descrizione del progetto

"Die Literarische Wundertüte" è il numero 41 (21° volume) della rivista letteraria tirolese Cognac & Biskotten e sarà realizzato nella Wunderkammer del Castello di Ambras.

La rivista letteraria urbana di Innsbruck Cognac & Biskotten, che cambia tema, formato e luogo di presentazione di numero in numero e quindi si reinventa sempre, riprende il tema "Miracolo?" dopo numeri spettacolari come il tram letterario o il sacco di plastica letterario, soprattutto per il suo ventesimo compleanno.

È quasi un miracolo che Cognac & Biskotten abbia raggiunto il suo ventesimo anno di vita. È solo grazie all'instancabile autosfruttamento volontario, all'utilizzo creativo di scarse risorse finanziarie e all'immensa resistenza che Co & Bi potrà festeggiare il suo ventesimo anno.

Questa "meravigliosa" occasione sarà celebrata in modo ironico e apprezzabile con il numero 41 "La borsa delle meraviglie letterarie" in un luogo "meraviglioso", ovvero nella Wunderkammer del Castello di Ambras.

I testi originali, che possono essere inviati dagli autori (provenienti da tutta la regione di lingua tedesca, con particolare attenzione a Innsbruck/Tirolo), troveranno posto sulla busta di carta, così come sulle trovate a sorpresa allegate (ad esempio cartoline, francobolli, caramelle, ecc.), che saranno disegnate da artisti di Innsbruck (street art).

La presentazione sarà inoltre partecipativa anziché egoistica. La presentazione coinvolgerà anche numerosi artisti, musicisti e soprattutto scrittori tirolesi/innsbruck in modo partecipativo e non egoistico, aprendo così alla partecipazione/partecipazione di numerose persone un'opera d'arte festosa e magica sul tema "Miracoli?".

Attuazione del progetto

La rivista letteraria tirolese Cognac & Biskotten ha presentato il suo numero 41 "La borsa dei miracoli letterari" sul tema "Miracoli?" attraverso uno straordinario evento rotondo miracoloso e divertente di musica e letteratura sabato 5 ottobre 2019, alle ore 15.00, presso il Castello di Ambras a Innsbruck.

Miracoli? Chi crede ancora ai miracoli al giorno d'oggi? I miracoli esistono ancora? Che cos'è in realtà un miracolo? Il termine "miracolo" è comunemente usato per descrivere eventi inspiegabili, impressionanti, straordinari che stupiscono e meravigliano. Letteralmente, ci si chiedeva già nell'antichità.

Anche nell'antica Roma le cose miracolose apparivano come "miraculum", promettendo notevoli sorprese. Tuttavia, solo in epoca moderna è entrato in gioco il significato "soprannaturale" del termine. Nel XVI secolo ci si interessava alle "meraviglie della natura", cioè a cose rare e uniche, poi dal Barocco in poi alle meraviglie grottesche, bizzarre e stravaganti.

Tutte queste definizioni si adattano perfettamente alle idee sperimentali della rivista letteraria tirolese Cognac & Biskotten, che da oltre 20 anni cambia tema, formato e luogo di presentazione di numero in numero. Come una "borsa delle meraviglie letterarie", il numero 41 conteneva una varietà di oggetti sorprendenti che vengono forniti con i testi delle meraviglie letterarie.

Questo miscuglio di oggetti diversi, destinati a ispirare e toccare, simboleggia anche le molteplici idee e azioni della storia di Co&Bi fino ad oggi e serve come esempio di come la mediazione letteraria possa avvenire con leggerezza. Questa splendida edizione è stata presentata in modo speciale in un luogo straordinario:

Sabato 5 ottobre 2019, più di 30 artisti, autori e musicisti si sono mossi nel Castello di Ambras insieme al pubblico al suono improvvisato del presentatore musicale TubAffinity.

Questo giro comprendeva numerose altre curiosità e una visita alla Kunst- und Wunderkammer, il primo museo al mondo.

Atti musicali:

  • Peter Brugger/Sportfreunde Stiller
  • Daniele Groff (I) - Vincitore Festival di Sanremo Giovani
  • Julia Costa
  • TubAffinity (moderazione)
  • & ulteriori ospiti ..

Atti letterari e artistici: Christian Yeti Beirer, Stefan Breitenfeld, Anja Ellen Dahlke (D), Katja Decher (D), Sylvia Dürr, Julia Ecker, Peter Giacomuzzi, Michaela Grüdl-Keil (D), Heidemarie Haller, Anita Hetzenauer, Brigitte Jaufenthaler, Evelin Juen, Angela Lackner, Michaela Mechura, Janine Messner, Maria Muster, Wolfgang Nöckler, Christine Maria Oberauer, Wolfgang Praßl, ChristiAna Pucher, Susanne Rasser, Maria Schätzer, Thomas Schafferer, Gabriele Schneider, Elke Steiner, Brigitte Stolz (D), Erika Wimmer Mazohl, Frank Wittmer (D) e Dorle Zobl.

La composizione generale del progetto è stata creata dall'artista multimediale Thomas Schafferer.

Finanziato nell'ambito di stadt_potenziale innsbruck 2018 e da: Cancelleria federale, Provincia del Tirolo e Città di Innsbruck.

Aree sperimentali come potenziale urbano

Un progetto di Spielraum für alle (Leonie Schickedanz)

Durchführung: 14.02.–14.08.2018

Descrizione del progetto

Le città e le regioni saranno pronte per il futuro se i loro abitanti saranno desiderosi di imparare e percepiranno i problemi della società come opportunità per dare forma alle cose: Nell'ambito del progetto, il collettivo Spielraum vuole fornire un'interazione di spazi sperimentali (FabLab + spazio cucina + giardino pensile + spazi multifunzionali) come potenziale urbano, che, oltre a una mentalità fai-da-te, coltivi un atteggiamento aperto alla novità nell'individuo - sempre integrato nella comunità. L'attenzione è rivolta alla responsabilità sociale del lavoro culturale contemporaneo e al desiderio di sfruttare il potenziale di partecipazione all'interno di Innsbruck e del Tirolo.

Illavoro culturale contemporaneo come potenziale per il futuro Per i membri del collettivo, il concetto di lavoro culturale significa innanzitutto la ricerca di soluzioni ai problemi e alle esigenze del nostro tempo e della società. La comprensione del proprio ambiente di vita come spazio che può essere plasmato e come possibilità di intervenire in modo produttivo nelle questioni socio-politiche deve diventare più evidente nel senso di una cultura per tutti . Vengono promossi processi e prodotti creativi che si concentrano sulla responsabilità sociale dei processi di progettazione nello spazio pubblico in modi diversi, mettendo in discussione e ridefinendo il ruolo degli attori.

Illavoro culturale come intervento e interazione Quale potenziale che aiuta nella ricerca di soluzioni c'è in tutti noi? Ciò che Schiller pensava: "L'uomo gioca solo dove è uomo nel pieno significato della parola, ed è pienamente uomo solo dove gioca", è confermato oggi dallo studioso del cervello Gerald Hüther: nel gioco le persone sviluppano il loro potenziale, nel gioco sperimentano la vivacità, la capacità di giocare insieme significa lo sviluppo del potenziale nelle città e nelle comunità!

Dovrebbe esserci spazio per tutti : Le persone di tutti i colori dovrebbero essere riunite in un unico luogo e fatte giocare . A questo scopo, l'associazione offre spazi liberi e stimolanti, strappa le persone al mondo del pensiero strumentale, mostra loro possibilità di esperienza che sono sepolte nella vita di tutti i giorni e innesca così processi creativi (di lavoro) in cui tutti i partecipanti si sperimentano come efficaci!

Per un periodo di due mesi, nell'ambito del progetto "Spazi sperimentali come potenzialità urbane", verrà allestito un laboratorio (ludico) aperto due giorni alla settimana, con un'infrastruttura spaziale e un team di supporto che assicura il rispetto delle misure di sicurezza e fornisce assistenza sull'uso corretto di attrezzature e materiali. A questo scopo, uno specialista del team della ludoteca è disponibile per ogni piano (FabLab + cucina, comprese le sale multifunzionali). Questo quadro consente a tutti gli utenti di apprendere un'ampia gamma di abilità nell'uso delle attrezzature come prerequisito per la realizzazione di oggetti propri e di diventare creativamente attivi in uno spazio libero da specifiche. Inoltre, i processi sono accompagnati e valutati da uno studente di psicologia per analizzare l'effetto del lavoro educativo e culturale contemporaneo e renderlo accessibile al pubblico. I risultati sono documentati in una relazione di progetto e presentati sul sito web.

In Spielraum für alle ci occupiamo di un atteggiamento di base ludico nei confronti della vita che coltiva le seguenti qualità nel lavoro collettivo e nei processi di progettazione: Un'unione libera in cui le persone non si strumentalizzano a vicenda, in cui non sono guidate da strategie e calcoli, non dominate dalla ragione strumentale che misura tutto secondo i suoi parametri: efficienza, produttività, redditività, funzionalità. Si tratta di un atteggiamento di fondo nei confronti della vita che osa mettersi in gioco, che si mantiene aperto a nuovi orizzonti e a prospettive inimmaginabili, che ha il coraggio della co-creatività e di soluzioni insolite, e non solo dove si gioca la partita in senso stretto, ma anche nelle regioni del nostro ambiente di vita che sono, per il momento, lontane dal gioco. In altre parole, si tratta di ampliare la zona di gioco: dalla stanza dei giochi allo spazio pubblico, dal contesto privato a quello urbano, dal gioco dei bambini alla co-creazione ludica della propria società/città/ambiente.

ulteriori informazioni su www.spielraumfueralle.at

FAR al giorno

Un progetto di Kunstverein Sabotage

Descrizione del progetto

FAR a DAY è la prima oasi civile offline del mondo. FAR a DAY è un luogo di discorso manuale. FAR a DAY è una scultura spaziale che può essere vissuta in modo invisibile.

FAR a DAY è una sfida alla società del capo chino, un'oggettivazione di ciò che ci circonda: urbanità e riferimento alla natura.

Nell'autunno 2018, la prima oasi offline al mondo aprirà al grande pubblico in un nuovo spazio artistico temporaneo a Innsbruck. La scultura artistica FAR a DAY di Robert Jelinek funge da manifesto illustrativo del discorso che si svolgerà in futuro, del nostro approccio alla comunicazione e degli aspetti della nostra convivenza urbana. Infatti, lo scheletro architettonico di FAR a DAY scherma qualsiasi radiazione elettrica proveniente dall'esterno e non è quindi raggiungibile. La scultura artistica è visibile solo sul display dei telefoni cellulari, degli IPad o dei computer portatili dei visitatori - come un "bar senza reception".

Per Echo

Un progetto di Andreas Stecher

Descrizione del progetto

Registrazioni di tamburi all'aperto a Innsbruck e dintorni, basate su echi "naturali". Andreas Stecher e Katharina Ernst, entrambi percussionisti professionisti, trasferiscono la pratica musicale urbana nel mondo della montagna e sperimentano o sentono la loro strada verso composizioni site-specific per tamburi e percussioni basate sui riverberi proiettati da montagne e laghi - un esperimento in cui lo spazio è inteso come ritmo, dove i ritmi si sviluppano in base alle distanze, agli echi e ai riverberi. Innsbruck è il punto di partenza ideale per il progetto, in quanto i dintorni sono già noti e la rete sociale può contribuire a sostenere il progetto. Una presentazione del progetto a Innsbruck è possibile in diverse forme: se si dovesse trovare un "luogo di eco" vicino alla città, una composizione potrebbe essere presentata dal vivo in loco, altrimenti una sessione di ascolto o anche una presentazione di un'installazione potrebbero avere luogo in un ambiente adatto a Innsbruck (panetteria, p.m.k. ecc.). Inoltre, sono previste la pubblicazione di una registrazione e ulteriori presentazioni in Germania e Austria.

Cuore di pietra - bettlefield IBK

Un progetto di Daniel Jarosch, Stephan Pirker, Kata Hinterlechner

Descrizione del progetto

Nell'ambito del progetto, 400 pietre grandi come un pugno saranno prelevate da Frau Hitt, dipinte e dotate di un marchio di identificazione. In collaborazione con il Bettellobby Tirol, gli operatori di strada di Innsbruck e il rifugio per senzatetto di Pradl, gli organizzatori del progetto cercano di stabilire un contatto di fiducia con i mendicanti di Innsbruck durante tutto l'anno. Durante l'Avvento, affittano uno stand al mercatino di Natale di Innsbruck o nelle immediate vicinanze e vi allestiscono una capanna. Durante il periodo del mercato, il rifugio funge da stand informativo per le iniziative di lotta alla povertà (Bettellobby Tirol, Streetwork Verein für Obdachlose ...).

Le persone interessate e impegnate possono informarsi sulla situazione delle persone minacciate dalla povertà nella nostra città. La stanza è aperta alle persone colpite per riscaldarsi e come centro di consulenza. Possono informarsi sulla loro situazione giuridica e vengono presi contatti con le istituzioni sociali e i rifugi di emergenza. Verrà inoltre proiettato il film "Begging. Persone. Rechte" di Monika Zanolin (2015) nei dintorni della "Hütte" ed è previsto un evento di discussione con specialisti sul tema della povertà.

Inoltre, e soprattutto, è possibile adottare una pietra colorata presso lo stand con una donazione di 10 €. I donatori saranno informati che possono consegnare la pietra a un mendicante di Innsbruck. In un certo senso, la pietra raddoppia il suo valore grazie a questo gesto, perché la mendicante riceve da noi un onorario di 20 € per la sua partecipazione all'azione artistica quando restituisce la pietra. Le pietre "regalate" vengono raccolte ogni giorno dagli operatori del progetto o possono essere consegnate al rifugio. In primavera, insieme al maggior numero possibile di persone, trasportano le pietre fino a Frau Hitt, dove attaccano una scultura di pietra al cuore della regina gigante pietrificata. Questa scultura deve essere un monumento contro l'imminente pietrificazione.

un altro progetto stadt_potenziale di Daniel Jarosch

Dimenticare dimenticare, 2015

Recuperate il vostro club!

Un progetto del Kulturverein Contrapunkt

Descrizione del progetto

La techno come forma di stile di vita collettivo si colloca come cultura musicale urbana principalmente nel contesto dei club. Il club funge da luogo di canalizzazione urbana della musica elettronica, dove le persone trovano spazio per l'edonismo e l'evasione dalla vita quotidiana. Nonostante l'uscita notturna di persone dalla forzata vita quotidiana capitalista, il club rimane parte della società come luogo reale. Discriminazioni come il razzismo, il sessismo, l'antisemitismo, l'omofobia e la transfobia sono prodotte e riprodotte nel contesto del club. Inoltre, troppo spesso viene attuata una politica delle porte che funziona secondo criteri razzisti e sessisti. Le aggressioni verbali e fisiche sono solo una piccola parte dell'attuale vita del club e non vengono quasi mai affrontate dai gestori. L'attenzione è rivolta al successo economico della serata e non all'esperienza e al benessere dei visitatori e alla musica degli artisti.

Inoltre, le prenotazioni della maggior parte dei club funzionano secondo criteri sociali convenzionali, dove "gli uomini bianchi prodotti dal mainstream sono in primo piano e ottengono il loro palco" La cultura patriarcale dei club riflette la posizione gerarchica delle donne. Le artiste sono un'eccezione, mentre il posto dietro il bancone è chiaramente attribuito alla sorridente barista. Gli esperimenti musicali e mediatico-artistici "fuori dai sentieri battuti" sono ricercati come il tanto citato ago nel pagliaio.

Tutti i problemi dell'attuale panorama dei club - anche a Innsbruck - producono un microcosmo che cerchiamo di mettere in discussione in modo critico e di pensare a delle alternative con la nostra serie di eventi. In questo contesto, riteniamo fondamentale parlare della produzione culturale specifica e dei suoi meccanismi nel contesto del club. L'obiettivo non è solo quello di trovare soluzioni a queste sfide, ma anche di dare un nome alle condizioni sociali e ai comportamenti discriminatori all'interno dei nostri spazi liberi per contrastarli nel senso di una club culture emancipatrice. Pertanto, con il nostro format di club "Reclaim Club Culture", rifletteremo sul club come spazio, sul nostro ruolo di organizzatori in questo progetto, al fine di posizionarci politicamente.

02.11.2018, p.m.k: primo evento di "reclaim your club"

Il 2 novembre 2018, il collettivo culturale Contrapunkt lancia il progetto "reclaim your club". L'obiettivo è quello di recuperare il club come spazio per il dibattito politico e le posizioni critiche. A questo scopo, sono previste due serate a Innsbruck, che diventerà temporaneamente uno spazio critico per i club. L'attuazione di pratiche e richieste emancipatorie richiede non solo la capacità di riflessione e autocritica, ma anche un esame teorico della propria produzione culturale. Pertanto, ogni evento avrà un focus tematico.

:::reclaim your club - club against reality - spazio per la cultura politica dei club:::

Il primo evento si terrà al p.m.k. di Innsbruck. Per questa serata sono stati invitati gli artisti SØS Gunver Ryberg, nita.(Anita Brunnauer), Whyami e Therese Terror. Quest'ultimo fa parte del collettivo viennese femdex. Therese Terror è ospite del talk sia come DJ che come discussant. Parlerà del suo lavoro al femdex e dei suoi eventi Utopia 3000. Verranno discusse le condizioni quadro della cultura di club emancipatoria e le possibilità del lavoro politico di club. vedi anche: www.contrapunkt.net

21:00: Conversazione (gratuita) con Therese Terror (Menophilias/femdex/Hyperreality) su prospettive e limiti della club culture emancipatoria femdex - Una lista femminile è il nome dell'iniziativa viennese. La loro missione è quella di promuovere artisti* femminili e non binari all'interno della club culture contemporanea e della musica elettronica. Dal 2016 ospitano a Vienna la serie Utopia 3000. Therese Terror, lei stessa DJ, racconta il lavoro e le esperienze di femdex. Verrà inoltre discussa la questione del lavoro dei club politici: Quali sono le condizioni necessarie per sviluppare una cultura di club emancipatoria?

23:00 (€ 10,-) "Club contro la realtà" con i seguenti artisti*

THERESE TERROR (MENOPHILIAS / FEMDEX/HYPERREALITY) Therese Terror è una DJ, organizzatrice e imprenditrice. In particolare, è attiva al femdex, co-organizza Utopia 3000 ed è responsabile della formazione Zur Gönnerin. Ha curato la line-up dell'Electric Spring Festival 2018. Mentre Therese Terror è impegnata a fare la DJ di notte, di giorno si occupa del Rrriot Festival, che si concentra sul discorso femminista, e di innumerevoli altri progetti che si collocano a metà strada tra l'attività lavorativa e il volontariato. I suoi set si muovono principalmente tra house, techno, acid, electro e pop. I generi sono super, ma Therese Terror si muove relativamente libera da etichette tra le diverse aree della musica elettronica, non rifugge né il mainstream né la nicchia e vuole soprattutto una cosa: vedere il pubblico sudare. www.soundcloud.com/thereseterror

http://facebook.com/thereseterror0/

http://instagram.com/thereseterror/

https://www.residentadvisor.net/dj/thereseterrorTh

GUNVER RYBERG LIVE (KOPENHAGEN) L'artista e compositore danese SØS Gunver Ryberg si esibisce con un'energia senza fine che sfida il vostro stato di coscienza: brandendo un arsenale di vigorosi ritmi industriali, techno grezza e sound art espressiva. I suoi live set sono una terrificante raffica sonora di drum machine frenetiche, droni torbidi e muri di overdrive caotici che mirano a indurre un'esperienza trasformativa. Il lavoro di SØS Gunver Ryberg incarna la sua ricca storia produttiva. Nate dalla performance art, le sue esibizioni "site specific", sotto forma di installazioni sonore, colonne sonore di giochi per computer, passeggiate audio, live club set o anche il disco di debutto "AFTRYK" per Contort Records, esplorano tutte il potenziale dello spazio acustico. Cruda e industriale, selvaggia e sensibile, la musica di SØS Gunver Ryberg - che dal 2014 comprende due album e uno split EP con Aisha Devi, Rrose e Paula Temple - è più vicina alla sound art che alla techno pura. Una raffica di suoni feroci, una valanga di ritmi epici, spietati come un inverno a Copenhagen: benvenuti nel mondo modulare di SØS Gunver Ryberg. A metà strada tra la musica elettronica e la sound art, lo stile caratteristico di SØS è riconosciuto per i suoi ritmi insistenti, combinati con un'esplorazione meticolosa di texture e timbri, i suoni grezzi sono incorniciati da forme sinfoniche per creare un'espressività unica . www.sosgunverryberg.com/

nita. (ARTISTA VISIVA/SUONO:frame av) Anita Brunnauer alias nita. vive e lavora a Vienna come graphic designer indipendente. All'inizio del 2014 ha fondato nita. studio für visuelle gestaltung. nita. è membro dell'etichetta sound:frame AV ed è Graphic Ghost dall'inizio della silenziosa Duzz Down San Records. Lo stile visivo può essere descritto come un costante passaggio tra il sogno ad occhi aperti e l'osservazione notturna, la superficie e la profondità. Un funambolismo visivo tra kitsch e malinconia. Rapimento in una foresta surreale di immagini, dove gli animali mutano e gli antenati dimenticati sono adagiati sulle foglie. nita. sarà responsabile del design visivo nel p.m.k. questa sera. www.studionita.at

www.soundframe.at

WHYAMI (brooke, ibk/vie) Whyami mostrerà la sua interpretazione della techno: "Techno. obbedire distruggere divorare. ebm/acid/electro/industrial. in tempi post-fattuali non importa comunque. solo perché siamo tutti condannati non significa che non possiamo divertirci. semplicemente rave"

Agli eventi del collettivo culturale Contrapunkt non sono ammessi comportamenti aggressivi e discriminazioni come razzismo, sessismo, antisemitismo, omofobia e transfobia! "Rispettarsi a vicenda è la chiave!"

Grazie alla rete Reclaim Club Culture e al suo primer: https://menschmeier.berlin/fibel.html

17.05.2019, Stazione di Young Valley: evento "reclaim your club"

Il 17 maggio 2019, il collettivo culturale Contrapunkt continuerà il progetto reclaim your club. L'obiettivo è quello di recuperare il club come spazio per il dibattito politico e le posizioni critiche. A questo scopo, sono previste due serate a Innsbruck, che diventerà temporaneamente uno spazio critico per i club. L'attuazione di pratiche e richieste emancipatorie richiede non solo la capacità di riflessione e autocritica, ma anche un esame teorico della propria produzione culturale. Pertanto, ogni evento ha un focus tematico.

Comportamenti aggressivi e discriminazioni come il razzismo, il sessismo, l'antisemitismo, l'omofobia e la transfobia non trovano spazio negli eventi del collettivo culturale Contrapunkt! "Rispettarsi a vicenda è la chiave!"

Grazie alla rete Reclaim Club Culture e al suo primer: https://menschmeier.berlin/fibel.html

Vulcania (presentato come vulkano)

Un progetto di Nicole Weniger

Descrizione del progetto al momento della presentazione

Ci sono diversi miti che circondano il Patscherkofel, la cosiddetta montagna locale di Innsbruck. La voce che il Patscherkofel sia un vulcano spento è persistente. Quanto un'idea scientificamente infondata possa imporsi nella mente delle persone quando viene raccontata abbastanza spesso è dimostrato dal fatto che fino a pochi decenni fa l'origine vulcanica veniva insegnata persino in alcune scuole.

Sulla base di questo mito, Nicole Weniger avvia un progetto partecipativo nello spazio pubblico e istituzionale. Nel progetto, la questione della cosiddetta "identità originale" degli abitanti di Innsbruck viene esplorata e ricercata all'interno del Patscherkofel. Si verifica una trasformazione. Può emergere una nuova identità. L'assurdità e la finzione giocano il ruolo di protagonisti e ci guidano in un mondo tra il segreto e il perturbante.

Il rapporto tra le persone e l'ambiente circostante, o tra la città e il paesaggio, viene esaminato e presentato sotto forma di performance e cortometraggio. Quanto ci identifichiamo con il paesaggio che ci circonda? Quali sono i miti che si sono creati intorno ad esso? Come possiamo reagire artisticamente a tutto questo e rimodellare i miti?

Attuazione del progetto

Partendo dal mito che la montagna locale di Innsbruck, il Patscherkofel, sia un vulcano spento, Nicole Weniger avvia il progetto di ricerca performativa VULCANIA. Gli esseri che provengono dal presunto vulcano e che si trovano sulla sua superficie e nei suoi dintorni dall'anno scorso sono gli attori principali. Essi sollevano la questione di quale origine, attività, ecc. sia decisiva o pretenda di esserlo, per potersi descrivere come "atipici", "autoctoni", nel senso di appartenenza e in contrasto con "zuagroast" (trasferiti). Il progetto esplora la questione dell'identità collettiva e dell'appartenenza degli abitanti della regione alpina e non solo. Può avvenire un cambio di prospettiva e la domanda sulla propria appartenenza si impone e lascia spazio alla mescolanza del vecchio con il nuovo e lo strano. Cosa può emergere da questa trasformazione? L'assurdità e la finzione sono protagoniste e fanno satira sul tema. Il contenuto di verità delle fotografie e il loro potere di formare opinioni e identità collettive è una parte importante dell'esame di questo tema. Il rapporto tra le persone e l'ambiente circostante, o tra la città e il paesaggio, viene esaminato sotto forma di allestimenti cinematografici e fotografici. Quanto ci identifichiamo con il paesaggio urbano e naturale che ci circonda? Quali sono i miti che si sono creati intorno a loro? Come possiamo reagire artisticamente a tutto questo e rimodellare un mito?

Ulteriori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.nicoleweniger.com

Aspettare non è la stessa cosa che aspettare

Un progetto di Carolin Vonbank e Emad Husso

Descrizione del progetto

Waiting is not the same as waiting - è un'installazione artistica che vuole fare riferimento al processo attivo di attesa delle persone nella procedura di asilo attraverso un cortometraggio. L'attesa è una condizione familiare per ognuno di noi, che abbiamo tutti sperimentato in una forma o nell'altra. Tuttavia, i richiedenti asilo a volte aspettano per anni un colloquio che deciderà il corso della loro vita. Molte persone all'esterno e all'interno non sono consapevoli dell'effetto che può avere questa fase della vita di una persona. L'installazione vuole mostrare gli effetti che questo processo di attesa può avere. A questo scopo, il film sarà proiettato in un luogo di attesa, partenza e arrivo: la stazione ferroviaria principale di Innsbruck. Collocando l'installazione in uno spazio pubblico di incontro, il tema sarà reso visibile a un pubblico più ampio.

Ultimo aggiornamento 07.12.2022