Patrimonio digitale

Materiali d'archivio direttamente accessibili online - piani, cronache cittadine e altro ancora.

Questa pagina è stata tradotta automaticamente. La Città di Innsbruck non si assume alcuna responsabilità per l'accuratezza della traduzione.

Per rendere più accessibile il patrimonio dell'Archivio comunale, alcune parti di esso vengono digitalizzate passo dopo passo e messe online. A causa dell'abbondanza di materiale, per il momento questo rimarrà limitato a una piccola parte del patrimonio totale, ma i pezzi che l'esperienza ha dimostrato essere più necessari avranno naturalmente la priorità.

Quali documenti sono disponibili online?

Qui troverete numerose mappe storiche di Innsbruck, a partire dal 1838, nonché una cronaca della città del XIX secolo e articoli dell'ex direttore dell'archivio Franz-Heinz Hye sui quartieri di Innsbruck. Un altro progetto rende accessibili online gli indirizzari della città dal 1897, con la possibilità di ricercare l'intero testo dei libri digitalizzati per nome, casa o azienda.

Mappe e guide della città

Le mappe della città risalenti all'inizio del XIX secolo possono essere utilizzate per tracciare in modo vivido lo sviluppo della città. Sono anche una fonte interessante per la storia dell'economia e del turismo: quali sono gli alberghi più frequentati? Cosa c'è da vedere? Oggi, di solito, non si ha più bisogno di una mappa stampata della città. Ma rimangono importanti come fonti per la ricerca storica, sia professionale che non.

Carl Unterkirchner Cronaca

Carl Unterkirchner era uno scriptor della Biblioteca universitaria di Innsbruck che compilò questa cronaca di oltre 400 pagine nel 1892-1896. Si basa su diverse opere a stampa a disposizione di Unterkirchner e sulla "Pusch-Chronik", una cronaca manoscritta conservata negli archivi della città e nella biblioteca del Landesmuseum. La Cronaca di Unterkirchner non è citata con i numeri di pagina, ma con i numeri del margine destro.

I quartieri di Innsbruck

Non tutto ciò che è Innsbruck oggi è sempre stato Innsbruck. St. Nikolaus-Mariahilf, Pradl e Wilten sono cresciuti insieme a Innsbruck nel corso degli anni. Con l'Anschluss del 1938 ci fu un'impennata di incorporazioni: Sono stati aggiunti Hötting, Mühlau, Amras, Arzl, Vill e Igls. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la città si espanse ulteriormente fino a raggiungere il Reichenau, il Villaggio Olimpico, l'Höttinger Au, l'Hötting West e il Kranebitten.

Qui si trovano gli articoli dell'ex responsabile degli archivi cittadini Franz-Heinz Hye, che ha rivalutato scientificamente la storia dei quartieri della città.

Contatta

Orari di apertura

Da lunedì a giovedì::
8.00-12.00 e 13.00-16.00

Venerdì:
8.00-12.00

Ultimo aggiornamento 27.11.2022